Chi sono Io?

Chi sono Io?
la via della meditazione e dell'Intensivo di Illuminazione

23 gennaio 2015

Fuori dagli schemi

Siamo orientati a vedere il mondo secondo schemi neuronali e mentali che si sono formati via via vivendo le nostre esperienze di vita.
La conoscenza che abbiamo di noi stessi, degli altri, della vita e di tutto ciò che ci sta intorno non è oggettiva. Vediamo ciò che siamo predisposti a vedere, solo che non ne siamo consapevoli e crediamo sia verità oggettiva.
E' solo fuori da questi schemi, quando la mente, anche solo per un attimo, non c'è, che cogliamo come eravamo progionieri e ciechi, come abbiamo potuto credere a cose che stanno solo nella nostra mente, nel nostro modo di vedere il mondo. Siamo sempre sopresi... perchè scopriamo il castello di carta che avevamo costruito intorno e con i nostri pensieri.
Come uscire da questi schemi? Sperimentanto più e più volte quella Verità che è fuori dalla mente, fuori da questo universo sensoriale... l'esperienza diretta di questa Verità spazza via ogni castello mentale, ogni aspetto che appariene alla mente, e ci lascia vuoti e al tempo stesso colmi di quell'Assoluto che è la nostra vera natura.
E' un percorso lungo ed impegnativo, ma vale la pena viverlo, perchè quella libertà che si prova quando si è oltre la mente, quando si sperimenta davvero questa Verità Infinita, è straordinaria e di enorme valore per noi e per la nostra vita.


 

22 gennaio 2015

Vivere...

Gli psicologi li chiamamo 'script'. Sono i programmi della nostra mente che ci permettono di far fronte ad ogni situazione sapendo già come agire, cosa fare.
Siamo a teatro? ecco lo script adatto... siamo a cena da amici, oppure al bar, oppure ancora con la fidanzata? Questi programmi contengono le istruzioni per agire nel modo corretto.
Funziona così anche per gli animali. Ogni cucciolo impara dalla propria madre come affrontare le diverse situazioni di vita.
Tutto ciò si chiama sopravvivenza... e noi dove siamo? Nascosti da mille coperte non riusciamo a tirar fuori la testa, non riusciamo a vivere come in verità siamo realmente.
Vivere vuol dire esprimere se stessi, andare al di là degli schemi. E' un piano di libertà interiore dove senti che puoi esprimere ciò che sei veramente, senza curarti troppo della mera sopravvivenza. Quando sei te stesso, la Vita ti sostiene.
Gli script danno sicurezza, sono programmi, software, che ti fanno funzionare, ma non sei tu. Tu sei al di là della mente e dei suoi programmi, e se lo realizzi allora inizi veramente a vivere.

15 gennaio 2015

Senza mente si vola leggeri

Cervello e mente sono due cose diverse anche se interagiscono profondamente tra loro.
Il cervello è il computer centrale del nostro organismo e regola così tante funzioni che ancora oggi non lo conosciamo tutto.
La mente è il deposito dei risultati delle elaborazioni del cervello, sotto forma di ricordi, pensieri, ragionamenti, intuizioni, informazioni, dati, istruzioni e così via.
Molti di questi dati sono però obsoleti perchè appartengono a periodi della nostra vita che oggi non ci sono più. L'infanzia è il principale, dove impariamo la maggior parte delle cose che poi ci rimarranno tutta la vita soprattutto a livello inconscio e condizionante.
La mente serve? Poco. Per la maggior parte sono dati inutili se non fuorvianti. Soprattutto per le esperienze dolorose vissute in passato, quei dati non servono a nulla e vanno buttati. Sono schemi interpretativi obsoleti che ci ritornano un'immagine della realtà falsa perchè il dolore ci porta solo a chiuderci alla vita e agli altri.
La mente è un armadio di vecchie cose per la maggior parte ora inutili. Va svuotata perchè tutta quella roba vecchia ci appesantisce e ci impedisce di vivere la vita come vorremmo.
Senza la mente si vive leggeri, e si vola in alto.

14 gennaio 2015

Fermo

In un mondo che corre fermarsi è un arte e una necessità.
Siamo programmati sin da piccoli a muoverci in continuazione e più velocemente possibile. Il mondo intorno a noi sta accelerando vertiginosamente e se vogliamo tenergli il passo dobbiamo fare altrettanto.
Produrre....raccogliere...produrre...raccogliere... 
Avete mai provato a fare a piedi una strada che solitamente percorrete in auto? Cambia il mondo perchè cambia la percezione. Rallentando si scoprono infiniti particolari che con la velocità vanno perduti.
Soprattutto, rallentando si accede ad una dimensione diversa... noi.
Se ti fermi trovi qualcosa di straordinario... tu.
Fermati. Rinuncia alla tentazione di fare ancora qualcosa. Fai un profondo respiro e molla.
Prenditi un momento per te, solo per te. Chiudi gli occhi, respira profondamente, e lascia andare tutto. Ti ritroverai in un altra dimensione... e sarai colmato da una pace e una gioia indescrivibili.

12 gennaio 2015

Aspetta a riempirti... rimani nel vuoto.

Il valore di un vaso sta in ciò che contiene, ma esiste un altro valore: l'essere vuoto e poter contenere qualunque cosa. Questo valore si perde nel momento in cui il vaso viene riempito.
Noi siamo simili. Possiamo essere pieni della nostra persona, ma possiamo anche rimanere vuoti e poter così essere infinite possibilità.
Rimanere vuoti è un arte perchè tutto intorno a noi vuole riempirci. Il nostro 'io' è affamato di impressioni e vuole riempirsene. E' veramente difficile resistere a questa tentazione.
Esistono persone così piene di sé che non ci sta più nulla... nessun vuoto è possibile.

La meditazione e le vie spirituali insegnano il vuoto, perchè è il vuoto il vero valore dell'uomo; è nel vuoto che la nostra vera natura si manifesta, ed è sempre nel vuoto che ritorniamo a noi stessi.
Rimanere vuoti è anche una disciplina; occorre ricordarselo continuamente, altrimenti la personalità riempie ogni spazio.
Infine, rimanere nel vuoto è una pratica; ogni giorno in meditazione si lascia andare la personalità e si coglie il vuoto sottostante, quel silenzio dove nulla si muove perchè nulla esiste.
Aspetta a riempirti... rimani nel vuoto.